Bio

Alfredo De Girolamo (Napoli 1968), manager pubblico. Scrivo sul quotidiano Il Tirreno.
Dopo un lungo periodo di vita vissuta a Firenze in cui la passione politica è diventata lavoro, sono tornato a vivere a Pisa dove sono cresciuto tra “Pantere”, Fgci, federazione del partito e circoli Arci. Da qualche anno mi occupo di Servizi Pubblici Locali a livello regionale e nazionale.
Ho tre figli: Giorgio, Giacomo e Margherita. E una compagna, Chiara, che divide con me tutto questo. Ho anche un iPad e due BlackBerry, perché al contrario di ciò che pensano tutti mela e mora sono complementari.
Nella mia attività divulgativa ho pubblicato i libri Acqua in mente (2012), Servizi Pubblici Locali (2013), Gino Bartali e i Giusti toscani (2014), Riuso-rifiuti (2014).

Enrico Catassi. Classe ’71. Pisa e non solo.
Mio malgrado e per uno strano gioco del destino sono storico e criminologo mancato. Una laurea italiana ed una inglese riposte nel cassetto.
Sin dal liceo non mi separo dal mio zaino, fedele amico di viaggio in questi anni. Vivo catapultato in giro per il mondo, quello più sfigato, con progetti di cooperazione allo sviluppo.
Ho una naturale propensione a trovarmi nel posto sbagliato, nel momento sbagliato, dalla parte sbagliata.
Scrivo reportage per diversi quotidiani online. Curatore del libro In nome di (2007), sono contento di aver contribuito, in piccola parte, ad Hamas pace o guerra? (2005) e Non solo pane (2011). E, ovviamente, alla realizzazione di molte edizioni del Concerto di Natale a Betlemme e Gerusalemme.